info@feudalesimoeliberta.org
Usate il piccione viaggiatore
Feudalesimo e Libertà
 
 
×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 232

Parrucchino in pelle di ratto


17 Feb 2013

Rimembrate quello vostro misterioso vicino che da uno dì all'altro si trovò ad abere rigoglioso et prospero lo suo podere, che poco pria fuit solo uno brullo bivacco per cornacchie? 
Rimembrate anco lo sguardo colpevole di siffatto vicino davanti allo inquisitore da voi chiamato poscia l'accusa de stregoneria? 
Rimembrate como egli ammise, dopo efficace "persuasione", d'aver venduto l'anima alloDiavolo per ottener fertilità et magno raccolto?

In quello tempore v'era certa justitia contra chi volea eludere la volontà di Dio et andar contra lo corso della natura! Chi est lo homo per non gradire lo perfecto disegno dell'Altissimo?

Hodie, invece, l'homo si sente libero de trasgredir ogne natural lex, de passar lo suo calamo da comun mortale nello tomo che già dall'alba dei tempi fuit vergato. 
Abbiam gnosciuto la perfida alchimia che s'arroga de curar li morbi che Dio justamente manda como castigo; abbiam gnosciuto empie sperimentationi che fan sì che li pomi crescan saepe rubicondi et polposi, como se fossero produtucti in serie nella bottega d'un artigiano, abbiam gnosciuto vili artefici prezzoalti per diradar la patina dello tempore dallo volto di messeri et madonne che voglion celare lo di lor esser vetusti et non più di primo pelo.

Peggio dell'altre, però, est la malacredenza che lo homo est pulchro se preserba folto crine, nonostante lo invecchiar della restante carcassa. 
Assistiam oggi ad inquietanti schiere de homini canuti che pagan cum fiorino sonante arigiani sine scrupolo per arrestar l'inaridirsi dell'orto sovra la fronte et sfoggiar cum orgoglio zazzere da pueri de quindic'anni, credendosi eterni jovini et de buona presenza.
Zazzere ricavate dalla dissodatura delle praterie dell'altre parti dello corpore (non esente lo deretano), le cui sementi vengon poi sparse nello deserto infra li orecchi.

Sendo lo diaulo fabbro de' paioli ma non delli cuverchi, tali messeri sunt scovabile cum poca arguzia d'occhio, poiché, per quanto bene lo laboro possa esser condotto, niuno può emular la Divina Creatio. 
Si vedon così bizzarri figuri, alla gusa dello Antonius Conte (no, illo non est uno feudatario) cum nella capa un qualcosa che ricorda tanto lo vello d'un felide, quanto lo tetto d'una capanna delle tribù delli africhi. Altri, invece, sembran habere uno manto de' pece como la chiglia d'un vascello isolata dall'agua. 

La lor ridicolagine est la justa punitione per haber cercato di ingannare l'altri homini et Dio. 
Non comprendon costoro ch'ogne pelo della zucca cade perché fuit tagliato dal Signore per uno preciso scopo?
Non comprendon costoro che non tutti li orti posson esser rigogliosi como quello dell'emorroideo Lorenzo Paulo delli Turchi, lo quale, tra l'habere uno bel volto o un aureo crine, per certo sappiam che non scelse la pria optione.

Lo homo calvo, colla capa linda et curata, non est signo de vetustà et de bruttura. Lo calvo est anzi temprato da anni de duro laboro et de fiera pugna, ove lo longo vello in testa fuit solo uno ostacolo.
Come si può, infatti, arar rettamente lo campo colla preoccupatione de esser assaltati dallo pidocchio, vettore de pestilenze et cagion de ingenti grattacapi?
Come si può, infatti, affrontar lo saracino quando una lunga chioma sotto la celata cade sulli occhi o consente allo inimico uno appiglio per agguantarvi durante la strategica ritirata?

Viva ordunque l'homo calvo, fulgido esemplo de deditione et de retto servir lo Impero! 
Abbasso li calvi che han vergogna de' loro stessi et si reinventan capelloni, como se lo lor volto di terga fosse più gradevole se attorniato da qualche ciuffo de fieno in più!

(0 Voti)

Devi effettuare il login per inviare commenti