info@feudalesimoeliberta.org
Usate il piccione viaggiatore
Feudalesimo e Libertà
 
 
×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 232

Lo barbaro tunz tunz cagiona mestizia?


30 Gen 2013
Voliam oggi mettervi in guardia da uno fra li peggiori inimici dello Impero et della Christianità. 

Ben sappiamo che lo Diaulo, pella sua mala opera, se serve d'ogne bestia, ma inorridiamo anco nos davanti alli novelli aurighi, che dalli loro orripilanti carri sine equino cagionan baccano et tedio.

Cotesti furfanti, forse per emular lo Vincenzo Idrocarburo delle pellicule "Rapidi et Irati", concian lo proprio semovente cum bislacche colorationi e luccicanze de' dubbio gusto.

Ma lo peggior istrumento intro siffatto trabiccolo est lo diffusore ad alto potenziale de' suono et de' sfacelo d'altrui gonadi.

Accade sovente nelli vespri in cui, colli vostri sodali, vi concedete in santa pace lo meritato boccale de cruda bionda colli pochi renani rimastivi poscia la ultima gabella sullo macinato.

Ma proprio quando le vostre membra sunt a riposo dopo dura corvée ecco sbucar dagl'inferi li immondi carri delli guitti.
Ad annuntiar lo di lor arrivo non sunt le trombe dell'apocalisse né lo scalpitar delli neri destrieri, ma lo rombo de marmitta, urlo di agonia di una modernità che proprio in isti momenti mette a nudo lo proprio più cupo fallimento.

A seguir tal baccano s'odon li primi damnati canti:
Dalli pertugi del carro provengon, ad uno volume assordante, sinfonie d'ogne sorta, tra cui l'abbietta ballata del paffuto levantino che emula volgari cavalcate (forse ad evocar li cavallerizzi dello pagano Yi Sun Sin, suo compatriota) o li latrati dello moro d'oltreoceano Guglielmo.Ego.Sum. 
Ancor più nocivi pelli nostri orecchi sunt li canti della Gilda dello Blanco Canide (per intenderci, la stessa de' "mi tengo lungi dallo logoramento, fumo uno poco e poscia cum PES mi diletto").

A coronar il tutto, s'accompagnan schiamazzi et cialtronerie da parte dello conducente, illuso d'esser simpatico et trasgressivo, ma che nei fatti candida lo suo suino collo et li suoi arti allo piffero del baccanaro ( http://digilander.libero.it/sermalachi/immagini/Torture/Piffero.jpg per li neofiti), lo justo istrumento per li troppo zelanti guitti.

A cotesto punto, pello povero messere afflitto da tanto tedio, è d'uopo posar lo boccale, raccogliere le ultime energie et montare testé lo suo fido falconetto -guai a uscir di magione sine ello- dar foco alle polveri (lo unico levantino prodotto che garba allo Imperatore e a Dio). 

Sia ridotto in ferraglia lo infernal carroccio delli subumani!
Torni a regnar la pace nei borghi dello Impero!

 

(0 Voti)

Devi effettuare il login per inviare commenti