info@feudalesimoeliberta.org
Usate il piccione viaggiatore
Feudalesimo e Libertà
 
 
×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 230

Lo vostro stile libero ci fa un baffo!


27 Lug 2015

Le schole d'oggi sovente strabordan de' vergafanciulli che stan lì a scaldar la lor cadrega colle terga anzichè star nelli campi a laborar como si confarrebbe a ogne baldo jovine in grado de' sollevar una zappa con le proprie braccia. Annoiati dallo non far niente et più analfabeti delli analfabeti stessi, essi diventan preda d'eresie dovute allo vergheggiar continuo davanti allo vetro catodicoo a elettro-ludoteche come la Ludostazione o la Deca-Scatola, o buttati su d'una strada. 

 

Specie in quest'ultimo caso alcuni eresiarchi, detti rapperiani, han terreno fertile pe' diffonder le loro dottrine insulse. Essi son capeggiati da obscuri profeti quali Fabritius Filamento, Morenus Porgiregali o lo trio "Cenacolo Molosso", che s'ispiran a profeti ancor più obscuri provenienti dalli inferi oltre le Colonne d'Ercole, come Mezzo Fiorino o Spione Segugio. 

 

Ahinoi! Come ci duol notare ch'esti eresiarchi rapperiani fan breccia tra li jovini anco più de' catari et dolciniani! Lo vergafanciullo ammira lo lor sguardo truce, le lor quattro parole spiccicate con malo eloquio et li loro racconti che fan vanto d'atti ignobili, pensando sì d'esser grande poeta come lo suo idolo Fabriutius Fibrilla!

 

Accade indi che, ritornando alla schola, lo vergafanciullo rechi magno tedio mentre aude recitar le soavi rime dello magnificente Lodovico Ariosto, refiuti de' istudiarle et le ripudi, mentre cogita nel contempo che lo suo guitto rapperiano sia un grande rimatore. Andiam però a vedere li lor componimenti!

 

- L' Orlando Furioso, Opera Magna de' Lodovico Ariosto, se' compone de 38736 versi in ottave, dette "d'oro" non a caso, che seguon con magna maestria lo schema ordinato de' rime ABABABCC. Lo poema narra delle gesta de'Orlando, valoroso paladino de' Carlo Magno, in 46 canti.

 

- Una qualsiasi delle opere de' Fabritius Fibrilla se compone de' un numero casuale de' canti, ognuno delli quali contiene un numero casuale de' versi, secondo niuno schema metrico et logico, aggiungendo a sputazzo qualche rima qua et là per darsi lo atteggiamento da poeta. Li suoi canti non narran le gesta epiche de' niuno ma son la solita critica insulsa de' color che in politica vorrebber sostituir li giullari con li giullari et non colli Imperatori, o le solite narrationi da ragazzaccio che si vanta delli suoi atti da guitto et dello suo sollazzarsi in atti eretici.

 

Ebbene, cari Messeri, chi est che sapie melio usar le rime?

Chi merita d'esser lo idolo delli studentelli che si dilettan nello favellar a lingua sciolta et nello poetar?

 

Allo rogo li rapperiani! Et chelo rimar sia forbito, ordinato et volto alla restauratio imperiale!

(4 Voti)

Devi effettuare il login per inviare commenti