info@feudalesimoeliberta.org
Usate il piccione viaggiatore
Feudalesimo e Libertà
 
 
×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 267

Il saracino afferma che la terra è immobile. Lo Imperatore tuona: "Ha scoperto l'idro rovente!"


04 Mar 2015

"Sono anni ch'affermiam quella che est palesemente La Verità, sostenendo la legittimità dello rogo a Giordano Bruno, eppure ciò non ha destato le dormientimenti corrotte dalla tecnologia delli homini moderni, che continuan a creder allo moto terrestre. Qua di sfere che rotan vi son solo le mie quando sento eresie come quelle di stampo galileiano et copernicano!."

Queste le prime parole dello Imperatore, che, intervenuto sul tema con un tempismo eccezionale, ha deciso di commentare le affermazioni d'un imam saracino che dimostra, con rigore assoluto e ragionamenti di ferrea logica aristotelica, come la Terra sia immobile.

"Ci stupisce che la veritade arrivi, per quanto in ritardo rispetto a noi, proprio dalli nostri nimici di semper - dichiara Lo Imperatore alli strilloni cittadini - e che la tanto rinomata comunità scientifica sia rimasta invece ancorata a retaggi eretici ancestrali su questi temi, facendosi scavalcare pure dalli saracini, che, grazie a codesto moderno Averroè, fanno un balzo avanti sul piano culturale. Ora toccherà a noi, Sodali di FeL, esporre la nostra superiorità dimostrando che la Terra est piatta et al centro dell'Universo".

Toccherà quindi a Feudalesimo e Libertà fare luce sulle tante questioni che la scienza moderna non est in grado di spiegare con accuratezza: "Codesta mefistofelica situazione est dovuta all'inadempienza dei tanti servi della gleba, che nella modernità sono ancora troppo alfabetizzati et hanno atteggiamenti da vergafanciulli, sovente indaffarati a visionar lo Magno Frater, piuttosto che laborare nelli campi dei rispettivi feudatari o pugnar li nimici".
Dopo questo breve, seppur intenso, scambio, Lo Imperatore si congeda sine proferir altra parola. La Pugna, infatti, lo attende e non puote certo degnar d'altro tempo noi miseri servi suoi.


Vi lasciam alla dichiaratio che ha suscitato tanto scalpore

(0 Voti)

Informazioni aggiuntive

Devi effettuare il login per inviare commenti