info@feudalesimoeliberta.org
Usate il piccione viaggiatore
Feudalesimo e Libertà
 
 
×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 232

Articoli filtrati per data: Febbraio 2013 - Feudalesimo e Libertà
Lunedì, 25 Febbraio 2013 19:25

L'Italia justa

Malnati! State marchiando a foco la vostra schedula cum juditio et non cum li piedi? Evitate de votar li mendaci untori-partiti arrecanti le sigle de cemucratia, populo, libertade, movimento, revolutione etcaetera! La unica vera Italia Giusta est quella pro posta et pro pugnata da noi! Dallo unico et vero solo Imperatore di tutte le genti et nationi! 

Credete d'averla fatta franca colla complicità dello secreto dell'urna? Lo Imperatore vi vede anco quando siete avvolti dalle tenebre, figuratevi s'Esso non mira le vostre cattive azioni quando a lambirvi sunt solo IV drappi plastici.
Fate ammenda, o voi ch'avete votato cum poca saggezza: chinar lo capo cum umiltà allevierà la vostra positione all'Inferno (anco se non diminuirà la quantità de nerbate sulle gengive che vi spettan domattina stesso).

Che se retorni alli vecchi splendori et si abbandoni isto fallimentare modello de societade!

Pubblicato in Politica
Lunedì, 25 Febbraio 2013 19:22

Scheda Elettorale Elezioni Politiche MMXIII

Lo nostro Imperatore vi pensa semper. Anco intra la cabina lo suo pensamento est rivolto verso voi et nello dubbio pè non errar vessillo et factione durante la vostra marchiatura a foco sulla electorale schedula, habet dimandato allo cumsilio de corte de aiutarvi cum lo facsimile ben raffigurante lo simbolo della factione che siete costrecti a marchiare et justamente mettendo in minor evidenza le altre factioni le quali sunt cumsiderate nobis autoreferenziali, inette et arrecanti carestia et blasfemia, tutto ve sarà più semplice. 

La moltitudine de dagherrotipi che stan girottando in la rete ove est chiara la intentione de voto expraessa dallo ignaro plebeo, est sine ombra de dubbio falsa et mendace: le vere schedule sunt facte como isto imperiale modello et lo Imperatore est assai cumtrario a portare le provae dello marchio impraesso poichè Illo pote videre in ogne loco cosa li suoi villici habent votato nella urna.

Sed gnoscendo la magnanimità dello Imperatore ve cumviene far testé retorno allo seggio in fila longobarda et quaedete la vera scheda, poiché mendace est quella da voi solcata.

Habete ancor IV hore, marrani!

Pubblicato in Accadimenti Importanti
Lunedì, 25 Febbraio 2013 19:19

Si voti con il marchio di Carlo Magno!

Lo vero sodale di FeL se ricognosce anco dalli piccoli gesti. 

Chi fra vos s'è recato ieri ad votare (folgore colga ch'ancora nollo fece!), avrà obtenuto dalli guardiani uno di cotesti ninnoli scribenti per vergar la ics sulla scheda et esprimere la propria volontà per l'ultima volta nella istoria d'Europa!

Ch'orror nello videre quel miserrimo lapis mangiucchiato tra le proprie regali mani. Chedisgusto allo sol pensiero che lo stesso istrumento est passato di homine in homine et di dama in dama, impugnato da dita che solo Dio sa ove si posarono.

Forse li stessi diti impugnaron infedele scimitarra, forse li stessi diti esploraron nasali spelonche o forse li stessi diti levaron pruriti ove non batte l'immensa aura dello Imperatore.
Si dice perfino ch'alcuni personaggi sine igiene alcuno, malo consiliati da altre genti che mai pria d'ora avean votato, lecchino la sommità di siffatto legnetto onde conferir alla graffite solidità di tratto. Ma che orrore, Domineddio!

Perché io elettore debbo contrarre la peste sol per tracciar la mea inutile ics? Non voleo mica che lo proximo signo sia tracciato in blanco sullo battente della mea magione in quarantena, perdiana!

Feudalesimo e Libertà consilia quindi alli electori ritardatari de rifiutar lo lapis infetto et di invitare chiunque insista a provar la genuinità dello istrumento presso lo tergal orifitio, ove per certo si formerebbero ingenti grappoli allo solo contatto cum quello piccolo untore.

Pretendete di poter votare collo marchio rovente de Carolo il Grande, la cui ardente punta per certo non verrebbe insalivata da niuno sano de cerebro. A tal guisa, non solo lo voto sarà nitido et deciso (ovunque tale marchio sarà posto, significherà pur sempre uno voto pello Impero), ma sarà anco difficoltoso da rimovere dalla scheda.

Avanti sodali! Marchiate cum decisione coteste indigne pergamene della dimocratia, fiduciosi dello facto che uno domani lo marchio a fuoco gnoscerà anco le carni delli fautori dell'odierna crisi!

Alla pugna!

Pubblicato in Politica

Allarmi, sodali! Armate le vostre mani et lo vostro animo! Lo inimico sta colpendo le nostre schiere nelle forme più subdole et vili!

Le perfide spie saracine stan pagando initieri manipoli de' ignavi et traditori dello Impero onde osteggiar lo corso della istoria et paralizzare lo nostro Paese per altri cinque anni.

Come oprano cotesti bruti? Forse impugnando affilate scimitarre? Forse tendendocompositi archi? Forse caricando cum nigri caballi?
Giammai! Ben sanno ch'ogne nostro sodale serba sovente robusto stocco sotto la giubba et che non reggerebbero lo confronto cum uno vero gotteskrieger.

Essi s'infiltrano tra le genti in fila pello voto et, junto lo proprio turno de far ingresso alla cabina, principian colla loro azione sabatotatrice.
Cotesti malvagi homini, mascarati da vegliardi o da electori alle prie armi, trascorron magno tempore intra lo loculo electorale spazientendo la longobarda fila fino a far desister li più deboli et infuriar li più iracondi.

Trascorron li giri de clessidra et aumentano i mugugni et lo malcontento tra li nostri sodali: alcuni pensan che lo messere dentro lo seggio sia defunto per uno voto non dato allo Imperatore, altri pensan ch'egli sia un infedele intento ad venerare Allah proprio in quello momento. Ello sta invece temporeggiando nell'attesa che si rompano le righe et che lo Imperatore non riceva li justi voti che Gli spettano.

Ordunque, cari sodali, non arrendetevi davanti all'opra di cotesti maledicti apolidi sine Dio et sine patria: quand'essi superan le due clessidre intra la cabina, imbracciate lo fido cannello et indirizzate lo sacro foco contra lo sconsacrato loculo. 

Lo inimico dovrà abbandonar lo suo loco o perir arrostito dalle fiamme dello Impero. Poca differenza v'è in tal scelta, poiché lo suo corpore già destinato est a varcar l'uscio coll'ombelico che mira lo firmamento.

Pubblicato in Politica