info@feudalesimoeliberta.org
Usate il piccione viaggiatore
Feudalesimo e Libertà
 
 
×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 230

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 232

Fabritius Fibrilla: l'homo delle rimae ad cazzum canis
27 Lug
Pubblicato in Costume e Società

Lo vostro stile libero ci fa un baffo!

Le schole d'oggi sovente strabordan de' vergafanciulli che stan lì a scaldar la lor cadrega colle terga anzichè star nelli campi a laborar como si confarrebbe a ogne baldo jovine in grado de' sollevar una zappa con le proprie braccia. Annoiati dallo non far niente et più analfabeti delli analfabeti stessi, essi diventan preda d'eresie dovute allo vergheggiar continuo davanti allo vetro catodicoo a elettro-ludoteche come la Ludostazione o la Deca-Scatola, o buttati su d'una strada. 

 

Specie in quest'ultimo caso alcuni eresiarchi, detti rapperiani, han terreno fertile pe' diffonder le loro dottrine insulse. Essi son capeggiati da obscuri profeti quali Fabritius Filamento, Morenus Porgiregali o lo trio "Cenacolo Molosso", che s'ispiran a profeti ancor più obscuri provenienti dalli inferi oltre le Colonne d'Ercole, come Mezzo Fiorino o Spione Segugio. 

 

Ahinoi! Come ci duol notare ch'esti eresiarchi rapperiani fan breccia tra li jovini anco più de' catari et dolciniani! Lo vergafanciullo ammira lo lor sguardo truce, le lor quattro parole spiccicate con malo eloquio et li loro racconti che fan vanto d'atti ignobili, pensando sì d'esser grande poeta come lo suo idolo Fabriutius Fibrilla!

 

Accade indi che, ritornando alla schola, lo vergafanciullo rechi magno tedio mentre aude recitar le soavi rime dello magnificente Lodovico Ariosto, refiuti de' istudiarle et le ripudi, mentre cogita nel contempo che lo suo guitto rapperiano sia un grande rimatore. Andiam però a vedere li lor componimenti!

 

- L' Orlando Furioso, Opera Magna de' Lodovico Ariosto, se' compone de 38736 versi in ottave, dette "d'oro" non a caso, che seguon con magna maestria lo schema ordinato de' rime ABABABCC. Lo poema narra delle gesta de'Orlando, valoroso paladino de' Carlo Magno, in 46 canti.

 

- Una qualsiasi delle opere de' Fabritius Fibrilla se compone de' un numero casuale de' canti, ognuno delli quali contiene un numero casuale de' versi, secondo niuno schema metrico et logico, aggiungendo a sputazzo qualche rima qua et là per darsi lo atteggiamento da poeta. Li suoi canti non narran le gesta epiche de' niuno ma son la solita critica insulsa de' color che in politica vorrebber sostituir li giullari con li giullari et non colli Imperatori, o le solite narrationi da ragazzaccio che si vanta delli suoi atti da guitto et dello suo sollazzarsi in atti eretici.

 

Ebbene, cari Messeri, chi est che sapie melio usar le rime?

Chi merita d'esser lo idolo delli studentelli che si dilettan nello favellar a lingua sciolta et nello poetar?

 

Allo rogo li rapperiani! Et chelo rimar sia forbito, ordinato et volto alla restauratio imperiale!

Arte moderna com'è nella realtà
22 Lug
Pubblicato in Costume e Società

Arte moderna? Ecco la verità!

Lo decoro della propria magione est una prioritade pe' multe persone. Infatti, se si possiedon bon gusto et conoscenza della Bibbia, se puote trasfomar anco lo peggior tugurio in una domus degna d'esser habitata.

Lo tempore moderno però, anche in questo caso, vede trionfar l'eresia et la vacuitade delle opre. Imboniti da noti starnazzatori eretici come Andrea Diprede, Alexandro Orlandum et Vittorius Sgarbo, la plebe ha rinuntiato alla decoratio religiosa o cavalleresca pe' dedicarsi all'ars moderna.

Non più retabli, non più religiosi affreschi, non più metri et metri de' pulchro arazzo, ma horribili scarabocchi sine senso alcuno, più simili alla macchia de' sanguine dovuta allo sgozzamento de' uno porco che a qualcosa prodotta dalla man d'un homo. Pe' questo ogne retto cavalier non puote ch'esser colto dall'ira ogne qualvolta veda delle porcerie simili, et, specie poscia haber saputo que son stati pur sborsati dei fiorini pe' poterle affiggere sulle pareti, non puote che squarciar este tele collo stocco o lo zweihander.

 

Feudalesimo e Libertà impone quindi alli propri sodali di decorar le proprie magioni cum la justa arte: arazzi raffiguranti i propri avi, affreschi che descrivon passi della Sacra Bibbia et busti dello Imperatore.

Federico da Montefeltro (a manca) vs Vittorius Dispetti, Osvaldus Paniccia et Alexandrus Pregiati (a retta)
01 Feb
Pubblicato in Costume e Società

Vota NO alli moderni mecenati!

Iam habemus favellato di come l'ars moderna sia terra fertile per lo Dimonio, priva sia di quelle rappresentationi quae dimonstrino la Fede dello homo, sia di quelle che glorificano lo Imperatore et la nobiltade.
Homo attento pioque subito sente odor sulfureo attorno a coloro quae vengono appellati "artis critici", veri e propri emissari luciferini quae dietro abiti costosi et profumati nascondono una coda appuntita.
Primo tra questi est Andrea Diprede, la cui celebritade est dovuta alle sue sceneggiate visionabili su "TuTubo", nelle quali presenta o le squallide oprae di homini cum poco grano salis, quale il defunto Paniccius dalle lente moventie, o le diaboliche attività di sordide meretrici, pronte a indurre in tentatione lo homo quae le guarda, favellando de alienici rapimenti et sadomasochistici argumenti. Pè non parlare de lo costo esorbitante che lo Diprede attribuisce a isti "merdufacti"!

Et como non citare lo famoso Vittorius Sgarbo, quae, non pago di aver fracassato le gonadi dando dell'ovino a destra et a manca, dopo una lunga carriera de pusillanimeria tra teatro et Telavisiva, habet pure deciso di prendere l'istrada della politica, in modo da utilizzare li pubblici fiorini per riempire lo mondo di tele scultureque luciferinae, seletionate accuratamente cum lo suo pessimo gusto.

Habemus infine Messer Alessandro Orlando, che dal suo "Telemercato" cerca di riempire le case de li humili contadini cum opere forgiate da Mefistofele in persona. Isto losco figuro, urla et grida como un ossesso, alla guisa dello daemonico posseduto, cercando cum la sua voce sirenica, de ammaliar et sedurre le animae piae pè aprir loro borsello et chiamar allo satanico numero supraimpressione.

Cosa direbbe lo mecenate et capitan de ventura Federico da Montefeltro nel vedere codesto scempio et ista corruptione, lo quale nella sua magna vita oltre ad essere homo d'arme, fuit mecenate et sostenitore de la cultura et dell'arte in molti loci como Urbino, Gubbio et la stessa Montefeltro?