info@feudalesimoeliberta.org
Usate il piccione viaggiatore
Feudalesimo e Libertà
 
 
×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 232

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 267

29 Gen
Pubblicato in Costume e Società

Immanducabili intrugli o prelibata carne di ratto?

Usualmente et punctualmente all'hora di manducare appaion nello scatolone stregato decine di alchimisti et alchimiste li quali ci straccian le gonadi cum le loro diaboliche ricette. Munitii di strumenti che appaion assai strambi alli nostri oculi, essi si metton all'uso di fuochi et fornelli pello cucinar pietantie da li colori, forme et consistentie monstruose. 

C'est la fattucchiera Benedicta Parodi la quale ammalia le poveri menti sullo septimo canale. Nonostante illa sia nello loco che le compete, ove s'est mai visto che una madonna est lieta et gaudioso de cucinar appena tornata da deci hore de laboro ne li campi cum sorriso stampacto in muso? Et ancora più absurdo c'appare come ella dia cumsilii sullo modo di far da mangiare pelli vostri sodali invitati a desinare cum voi, como se illi fossere re et reginae degni d'un banchetto regale. 

Tediato da ista streca decidi de cambiar statione che becchi uno italo-amerigo cum pelo palesemente tinturato di nigro. Lo Camerata Valastrus, cum fare mafiosa capoccia et portamento, illo et lo suo branco di iperglicemici famili,i creano delli enormi et gigantesqui dolciumi li quali nesciamo a comprender como stiano erecti. Sicuramente illo vole avvelenar li suoi commensali cum utilitzo di calce et colla pè piastrelle. 

Et poi becchi Gordino Favella-montone lo quale omnia volta da letioni di turpiloquio et malecutione pelli spectatori d'isto rozzo spectaculo. Illo, d'origine barbara, peregrina da cucina in cambusa collo solo scopo di far girare li testicula delli poveri cuochi et cucinieri che incontra, come se chiunque potesse entrare dentro la tua dimora et insultarti poichè arrostisci la tua dolce carne di ratto sine spetzie et cumdimenti astrusi. Illo est famoso anco pell'esser l'artefice et fundatore de la Cucina dello Inferno, diabolico loco ove lui seletiona accuratamente li miliori alchimisti et streconi alla nigra magia! 

Et infine, peregrinando tra uno canale ell'altro, rigiungi nella eterea cucina de li MastriCucinieri, ove tre cavalieri sine signore et feudo, si son comperati a forza d'imbroliar la gente lo titolo nobiliare che per natura divina non li specterebbe. Isti homini sunt: Brunus Tonsores, Carlo Craccus et Giuanni Bastiano et, secondo loro, credono di metter su lo proprio esercito addestrandolo a colpi di mestolo et ramaiolo, tirandosi in viso farina et zucchero et cercando d'emular tecniche levantine et saricine di battalia. 

Isti tenzoni culinari habent lo solo producto de sfornar immanducabili piaetantie, inguardabili intrugli, et obbrobriosi impiattamenti cum lo unico fine de giocar cum lo cibo et de sprecar quello che in tanti non habent ista fortuna de habere. 
Isti satanassi puetono solamente cagionare vergogna et humiliatione pè tutti li veri tabernieri, locandieri et cucinieri de lo Impero tutto. 

Non ci resta, nostri cari sodali, che farvi invito nello ignorare isti perdi dies et da non farvi abbindolare da isti novi streconi et streche cum falsi tenzoni, dispute culinarie et diaboliche ricette le quali avvorrebbero mesculare et cumtaminare la nostra millenaria salutare dieta traditionale basata su polenta di miglio, vino spetziato, pane nigro cervogia calda, zuppe annacquate et carni de qualsiasi bestia salate et essiccate.

Alcuni cavalieri banchettano infischiandosene del galateo
19 Gen
Pubblicato in Costume e Società

Cortesie per gli ospiti

Non est necessaria la favella de' Feudalesimo e Libertà pe' prender coscienza che lo catodico scatolone est dispensario de demenza, futilità et umiliationi pello umano animo.

Tuttavia est ardua cosa rimaner indifferenti a quanto si para dinanzi alli nostri occhi talune volte quando, spossati dallo pugnar quotidiano, ci concediamo un po' di meritato riposo.
E così, stanchi ormai del solito letame fumante de' primi dieci elettro-palchi, decidiam de' cercar qualcosa de' novo oltre li eterei confini de' MTV (Malo-menestrelli, Tamarri et Vacche), imbattendoci in una curiosa gilda catodica chiamata Veritiero-Tempore.
Sorvolando sullo dubbio gusto delli manufatti prodotti in "pingi la tua esistenza" et delli tuguri de "alieno magione cum desperatio", est nostro interesse soffermarci in qualcosa che lascia noi basiti et rassegnati davanti alla cruda verità: lo visivo comunicator est buono solamente como proiettile pe' trabucchi, da scagliare preferibilmente acceso oltre le mura delli inimici pe' indebolirne lo intellecto et ridurli ad ebeti primati.

La compagine de' cui favelliamo est quella di tal "Affabilità pelli forestieri":
Partendo da sinistra abbiam Ruprecht Ruspolo, a detta sua esperto de' galateo et "stilista dello vivere": null'altro sappiam su cosa faccia pe' guadagnarsi lo suo tozzo de' pane nero, ma ci appar bislacco ch'egli riempia lo suo borsello solamente dicendo alli altri come atteggiarsi verso lo proximo; ancor più bislacco ci appare l'usar se stesso como esemplio de recto comportarsi.
Al centro abbiam Clara Tonelli, a detta sua architecto, in barba alli architecti di un tempo che non judicavano l'altrui magione, ma si curavano de' realizzar cattedrali pello nostro Signore.
E infine, lo peggiore, Alexandrus Borghese: con uno cognome sì scellerato, cosa potea fare un omo se non preparar intrugli et esotiche pietanze degne dello più opulento banchetto della reggia di Mefisto?

Cotesto infausto terzetto s'arroga lo diricto de judicare quali magioni, quali mos et quali leccornie s'addicono allo nobile.
Noi obviamente riconosciam loro l'autorità che si deve allo porco con le perle et ci nettiamo le terga collo galateo, parto deforme di maleusanze tardo-cinquecentesche. 
Noi manduchiamo colle mani et ci lecchiam le falangi pria de riporle nello piatto.
Noi ci lustriamo le fauci collo stecchino sine chieder venia et sine coprir la nostra fiera dentatura.
Noi teniam li gomiti sullo tavolo, perché durante lo pasto, come con li inimici, est fondamentale marcar lo proprio territorio.
Noi non abbiam timore di dar fiato allo stomaco con sonori ruggiti, vero segno de' apprezzamento di buona cucina.

Ordunque, villico stanco di falsi miti et inumani dettami, vota Feudalesimo e Libertà!
Vota coloro che sostengon lo recto desinar!

La caccia al cervo, nobile arte
17 Gen
Pubblicato in Costume e Società

Contro la piaga del veganismo e dell'erbivoria

La decadentia dello mondo moderno non conosce limiti. Belzebù si insinua tralli pii servitori dello Imperatore non solo tramite lo industrialismo, l'empietà et lo goberno dello volgo ma anche collo occulto rinnegamento delle verità delle Sacre Scritture. Come si puote affermar que li animali sono eguali allo homo? Forse Iddio li creò nello stesso dì? BLASFEMIA! Forse que la Genesi non recita 

«E Dio creò l’uomo a sua immagine; lo creò a immagine di Dio; li creò maschio e femmina.
E Dio li benedisse; e Dio disse loro: "Crescete e moltiplicate e riempite la terra, e rendetevela soggetta, e dominate sui pesci del mare e sugli uccelli del cielo e sopra ogni animale che si muove sulla terra"»? 

Come puote lo homine contraddire la parola d'Iddio e la gerarchia que Ello scelse nella sua inifinita sapientia? Come puote l'homine affermare que mangiar carne dello bestiame est poco etico? Iddio non lo ha mai detto, solo lo satanasso puote aver profuso una simile menzogna! 
Quando li popoli rispettavano lo volere di Nostro Signore, i cavalieri eran portatori di nobil valori et la plebe laborava senza rimostranze la terra, ingurgitar carne erat uno priviligio!

Que l'homo rifugga dallo mangiar solamente erba et licheni e rimembri la sua superiorità sulle altre creature dello mondo!!

Si torni alli antichi splendori, alli fasti di un lauto banchetto a base di cacciagione, alla nobile arte dello addestrar li falchi pella attività venatoria!!

Noi lo vediamo così: comprando cibarie del catai finanzi gengis kahn
03 Gen
Pubblicato in Costume e Società

Compra le cibarie del Catai e finanzi Gengis Khan

Prosegue la nostra crociata contra lo furbo inimico. Li nostri agenti han confermato quanto ne le nostre corti era già noto!
Nascosti all'ombra dello involtino primavera et de lo riso cantonese attendono pazienti i malvagi cavallerizzi di Gengis Khan.
Spronati dalli oscuri credi orientali, armati di fiaccole et vestiti con pelli umane, li armigeri del Khanato del male attendono l'ordine dello astuto condottiero per far teste mozzate et terra bruciata.

L'ingenuità in cui lo moderno torpore vi ha costretto non ha permesso a voi di veder et notar che costoro già all'opera sunt: basti observar lo condimento delle loro pietanze et cibarie, costituito da infernali spetie et vulcaniche salse, che indeboliscono lo fiero europeo recandogli ardori alle fauci et alle terga.