info@feudalesimoeliberta.org
Usate il piccione viaggiatore
Feudalesimo e Libertà
 
 
×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 232

Cori angelici
14 Lug
Pubblicato in Costume e Società

Fel svela la vera imago del pianeta plutone!

GOSBIRATIONE! rContrariamente a quanto asserito dalli eretici scienziati mistificatori che diffondono false imago de quel che dovrebbe esser lo pianeta Plutone, ossia una sfera costituita da brulla et non produttiva gleba, Feudalesimo e Libertà non si fa problemi a dir che la veritade est assai diversa. Se fosse così come potrebbe infatti emettere una, per quanto flebile, luce?

Come dimostrato dalla imago da noi diffusa, ispirata da Iddio nella mente di un artista e non di qualche fantasioso marchingegno che andrebbe in giro per l'aere, li vari cieli che compongon la volta sovra noi infatti non d'arida terra ma di schiere angeliche son infatti composte, divisi secondo le varie gerarchie.

Come anche lo Sommo Profeta Dante Alighieri (da noi celebrato aggiornando la sua opera) ci rimembrò, oltre Saturno vi est lo ottavo cielo, quello delle stelle fisse (Plutone est evidentemente una di queste) le cui intelligenze motrici son null'altro che li cherubini che con la loro aura illuminano lo Cielo facendo sì che noi si possa vedere l'astro.

Denunziamo ordunque lo complotto ordito dalla congrega detta "OLFATTA", composta da disturbatori di cherubini mediante aggeggi come codesto marchingegno detto "Novelle linee di confine tra coelo et terra".

Scambiar dei cori angelici per della terra brulla non est solo da stolti, ma anco da eretici: chiediamo perciò che li scienziati in evidente malafede abiurino o vengano messi allo rogo!

 

La cerulea insegna della mietitrice al soldo di Guglielmo Cancelli
13 Feb
Pubblicato in Costume e Società

Malnato Guglielmo Cancelli!

Per certo, multi fra vos adoperano uno diabolico computatore cum "Ventane MCMXCVIII", "Ventane experientia", "Ventane viso", "Ventane VII", etc. per gnoscer la parola dello Imperatore e per cotesto motivo andranno allo inferno parimenti alli possessori delle merci partorite da Stefano Mansioni et la sua cupa officina "Pomo".

Non vi rendete conto che adoperando cotesti immondi istrumenti, non solo fate lo volere di Lucifero et delli suoi alfieri, ma anco arrecate danno allo vostro corpore, le vostre gonadi in primis?

Ogne macchina infatti, quando sta eseguendo labori di vital importanza, s'arresta davanti allo suo fruitore mostrando cum orgoglio lo ceruleo stendardo che tanto male ha portato tra li homini fin dalla pria sua creatione.

Sia che lo messere stia vergando documenti importanti pelle sorti dello Impero, sia che egli stia semplicemente sollazzandosi cum elettro-ludi di sorta, la cerulea insegna d'errore appare allo improvviso facendo rogo dello laboro non preserbato et cagionando allo messere in questione le seguenti reazioni:

I) Primo attimo de attonimento;

II) Lectura allarmata delli vocaboli che sembran vergati da Saladino in persona, tanto son incomprensibili;

III) Tremolio delli arti superiori mentre si prende coscientia della dura realtà (ad esemplio un'intiera nocte de duro laboro gettata ai verri);

IV) Pressione compulsiva de' ogni pulsante presente nello campo visivo, che talune volte provoca lo rinfocolar dello sistema o allarmanti suoni;

V) Urla disumane et blasfemie contra lo Nostro Signore Iddio ch'altro non cagionan se non multi altri anni di damnatione alli inferi;

VI) Rassegnatione, rinfocolamento dello sistema et principio dello laboro da capo.

Sed tutto ciò habet un principio, nello momento in cui Lucifero decise di stringere un patto con uno jovine di nome Guglielmo Cancelli.
Già da quando elli varcò pella pria volta la porta dell'accademia, giurò allo maligno de perorar la sua causa coll'auxilio della nova tecnologia et della modernità, da sempre inimiche delli homini pii et dello Impero.

Manco attese lo termine delli studi, che già lo malvagio artigiano si mise all'opra per produrre quanto in futuro avrebbe corrupto ogni buon core. Cavo dopo cavo, saldatura dopo saldatura, prendea così forma lo colosso delle tenebre nomato "Ventane".

Lo popolo ingenuo accolse cum tripudio la venuta di siffatto macchinario: finalmente lo banchiere poteva eseguir li suoi calcoli sine abaco, finalmente lo scrivano potea vergar in tranquillitade sine lo timor de macchiar la pergamena collo calamo e dover rifar tutto da capo.

Como lo caballo delli achei che superò tra li festeggiamenti le mura dei troiani, lo computatore di Cancelli, insieme a quello dello suo alleato (et finto adversario) Mansioni, entrò in ogni magione tra l'entusiasmo di grandi et piccini, seminando il germe del dimonio ove l'homo mostransi più debole et meno accorto.

Accadde così che, die poscia die, lo homo divenne succube dello macchinario computatore, perdendo la destrezza nello calcolo manuale et nella solutione delli problemi collo ingegno, mentre le officine dello "Parvomellifluo" et dello "Pomo" seguitavan a produrre oggetti sempre più sofisticati et empi, costringendo alla eterna damnatio tanti ingenui popolani quae cadevano nello suo tranello.

Feudalesimo e Libertà est pella dignità dello homo et pella sua suprematia rispetto alla macchina. 
Egli non ne est succube, ma padrone.
Egli non deve soccomber alle trame ordite da Gugliemo Cancelli per destabilizzare i villici et condurli nella via dell'empietà.
Egli, quando vede apparir siffatta insegna, non deve darsi vinto, ma anzi accorrere allo suo pagliericcio, estrarre da ivi la fida mazza faerrata, far ritorno allo suo computatore et, colla forza dello Imperatore et la beneditione di Dio, assestare uno buon fendente allo stendardo del male.

Perché una mazzata alla cerulea insegna della mietitrice est una mazzata allo volto del malnato Guglielmo Cancelli.

Perché una mazzata allo volto dello malnato Gugliemo Cancelli est uno voto a Feudalesimo e Libertà.

Vota si allo creazionismo
04 Feb
Pubblicato in Costume e Società

Evoluzionismo? Darwin est lo dimonio

Nel mezzo dello siculo XIX la currupta humanità, non parca di haber inbentato lo motore a vapore et lo sapone partorì per bocca di uno stregone Inglese una nova blasfemia: lo evolutionismo. Secundo codesta teoria, omnia li esseri bibenti sunt soggetti a piccoli mutamenti casuali que collo trascorrere di grandi lassi di tempore e multitudini di generazioni posson purtare allo nascere di novae species. Tutti li animalia sarebber quindi lo prodotto di una evolutione millenaria et lo homo discenderebbe addirittura da essi!

Nelli Testi Sacri non si trova nihil di tutto ciò. In la Genesi Iddio creò lo caelo, la terra, li animali et lo homo come hodie li gnosciamo. Nella Sacra Bibbia non si puote legger di mephistophelici primati que diventan homini gratie allo fato. Ciò nonostante alcuni homini hanno havuto l'ardor di scribere:

«Sono pienamente convinto che le specie non sono immutabili; ma che tutte quelle che appartengono a ciò che chiamasi lo stesso genere, sono la posterità diretta di qualche altra specie generalmente estinta.» - ( Charles Darwin, L'origine delle specie, 1859 )

«L'uomo nella sua arroganza si crede un'opera grande, meritevole di una creazione divina. Più umile, io credo sia più giusto considerarlo discendente degli animali.» - ( Charles Darwin, L'origine dell'uomo, 1871) 

Davanti a sifatte eresie la Santissima Chiesa dovrebbe pugnar sine pietas et pensamenti contra la negatione della veritas di Dio! Li tomi et li loro scriptori dovrebbero arder nelle piazze delle urbe. Cum nostro magno rammarico però non una sola fascina de ligno fuit preparata e ninguna biblioteca saccheggiata. La corruptione et la blasfemia que dimoran nelle istanze vaticane habet purtato lo Santo Padre ad abbracciar pubblicamente queste diabolique theorie. 

« Vedo attualmente in Germania, ma anche negli Stati Uniti (Loco inesistente, NDA), un dibattito abbastanza accanito tra il cosiddetto creazionismo e l’evoluzionismo, presentati come fossero alternative che si escludono: chi crede nel Creatore non potrebbe pensare all’evoluzione e chi invece afferma l’evoluzione dovrebbe escludere Dio. Questa contrapposizione è un’assurdità, perché da una parte ci sono tante prove scientifiche in favore di un’evoluzione che appare come una realtà che dobbiamo vedere e che arricchisce la nostra conoscenza della vita e dell’essere come tale.» - Benedictus XVI

Allo Imperatore tutto ciò non reca surpresa. Da centinaia de lustri oramai la Casa di Dio est stata currupta dallo demonio et dalli suoi lacchè. La decadentia a cui li guelfi habet portato la domus di Nostro Signore non fa que rafforzar lo nostrum convincimento della necessità della nomina imperiale dello Papa onde ristabilir la retta et justa dottrina cattolica.

Si abbandonino le verba di Satana, si elimini l'evolutionismo!
Si torni alla parola di Iddio, si studi lo creationismo!

La bandiera delli pagani est stata ribaltata, ponendo la croce allo contrario
08 Lug
Pubblicato in Costume e Società

Islanda: legalizzata la blasfemia

Li variaghi, abitanti delle nordiche lande islandesi, han deciso di rinnegar lo cristianesimo per tornare al paganesimo. Si organizzi subito una crociata!


"
Giovedì 2 luglio il Parlamento islandese, l’Alþingi, ha abolito una legge del 1940 che proibiva «insultare o ridicolizzare la fede o le credenze di una comunità religiosa legalmente esistente», legalizzando di fatto la blasfemia. La proposta di abolizione era stata presentata dal Partito dei Pirati – un partito libertario ispirato a partiti simili molto popolari in Svezia e Repubblica Ceca – poco dopo l’attentato contro la redazione del settimanale satirico Charlie Hebdo dello scorso 7 gennaio. La legge del 1940 contro la blasfemia prevedeva per i trasgressori una multa o una pena di tre mesi in prigione ed era già stata criticata ad esempio dall’Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa (OSCE) e dal Consiglio d’Europa. La legge approvata due giorni fa dice invece che «la libertà d’espressione è uno dei fondamenti della democrazia. È fondamentale vivere in una società dove le persone sono in grado di esprimersi liberamente senza timore di ricevere una punizione, da parte dello stato o di altri individui».

La Chiesa luterana d’Islanda – i cui fedeli rappresentano circa l’80 per cento della popolazione islandese – si è detta favorevole all’abolizione della legge sulla blasfemia. Secondo il magazine online Iceland Monitor, la Chiesa luterana ha detto che «qualsiasi potere costituito che limita la libertà d’espressione in quel modo è contrario alla nozione moderna secondo cui la libertà d’espressione è uno dei princìpi fondamentali della democrazia». Sia la Chiesa cattolica sia quella pentecostale, invece, si sono dette contrarie: la Chiesa cattolica islandese ha detto che «per le persone di una certa fede, le proprie credenze e l’immagine di Dio sono importanti aspetti della loro esistenza, identità e dignità, e dovrebbero essere protette dalla legge. Se praticare la libertà d’espressione significa che l’identità di una persona credente può essere liberamente insultata, allora la sua libertà personale è a rischio».

Il New York Times ha fatto notare che l’abolizione della blasfemia è «il primo successo politico» del Partito dei Pirati, che è stato eletto al parlamento islandese per la prima volta nel 2013, quando ha ottenuto il 5,1 per cento dei voti pari a 3 seggi sui 63 dell’Alþingi. Negli ultimi mesi, però, i Pirati hanno esteso molto il loro consenso: secondo un sondaggio del noto istituto Gallup, il Partito dei Pirati ha oggi l’appoggio del 34,1 per cento degli islandesi, una cifra superiore a quella di cui godono i due partiti “istituzionali” attualmente al governo, messi insieme."

Sorgente: Il Post