info@feudalesimoeliberta.org
Usate il piccione viaggiatore
Feudalesimo e Libertà
 
 
×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 230

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 232

Accogli li guitti che pompano nelle casse a modino!
21 Lug
Pubblicato in Costume e Società

Lo guitto che pompa nelle casse

AHINOI!

Ispirati da Vincenzo Idrocarburo et delle pellicule "Rapidi et Irati", li furfanti conduttori di aurighe delli nostri borghi concian lo proprio semovente cum bislacche colorationi e luccicanze de' dubbio gusto.

Tuttavia, lo peggior istrumento intro siffatto trabiccolo est lo diffusore ad alto potenziale de' suono et de' sfacelo d'altrui gonadi. Accade sovente nelli vespri in cui, colli vostri sodali, vi concedete in santa pace lo meritato boccale de cruda bionda colli pochi renani rimastivi poscia la ultima gabella sullo macinato.

Ma proprio quando le vostre membra sunt a riposo dopo dura corvée ecco sbucar dagl'inferi li immondi carri delli guitti. Ad annuntiar lo di lor arrivo non sunt le trombe dell'apocalisse né lo scalpitar delli neri destrieri, ma lo rombo de marmitta, urlo di agonia di una modernità che proprio in isti momenti mette a nudo lo proprio più cupo fallimento.

 

A seguir tal baccano s'odon li primi damnati canti:

Dalli pertugi del carro provengon, ad uno volume assordante, sinfonie d'ogne sorta, tra cui lo immondo REGGOTONO, li latrati dello moro d'oltreoceano GUGLIELMO.EGO.SUM et li strazi dello disco-jullare DAVIDE GUITTO. 

Ancor più nocivi pelli nostri orecchi sunt li canti rapponi della GILDA DELLO BLANCO CANIDE (per intenderci, la stessa de' "mi tengo lungi dallo logoramento, fumo uno poco e poscia cum PES mi diletto").

 

A coronar il tutto, s'accompagnan schiamazzi et cialtronerie da parte dello conducente, illuso d'esser simpatico et trasgressivo, ma che nei fatti candida lo suo suino collo et li suoi arti allo piffero del baccanaro, lo justo istrumento per li troppo zelanti guitti.

A cotesto punto, pello povero messere afflitto da tanto tedio, è d'uopo posar lo boccale, raccogliere le ultime energie et montare testé lo suo fido falconetto -guai a uscir di magione sine ello- dar foco alle polveri (lo unico levantino prodotto che garba allo Imperatore e a Dio). 

 

Sia ridotto in ferraglia lo infernal carroccio delli subumani!

Torni a regnar la pace nei borghi dello Impero!

Legalizzazio della canapa? Giammai!
17 Lug
Pubblicato in Politica

Legalizzazio dello cannone? Vade retro allo sballone!

In cotesti die, praesso la sede dello Diabolo, situata in Palazzo Montecitorio, allo civico 666, li servi dello demoniaco son lesti pronti a vergar su carta una novella strategia pe' ringonadire lo volgo, ignaro et noncurante de ciò ch'elli stan per committere.

Ogne political fatione, infatti, dallo Partito Demoncratico allo Movimento Pentastri, vole render legale lo uso libero e incondizionato della cannabis et dello suo allucinogenico fumo.

 

Allo Imperator et alli suoi ministri imperiali non cagiona gaudio lo uso dello fumo in cotesta maniera, ma bensì elli praeferiscon lo fumo cagionato da un colpo de bombarda o dall'impatto dello trabucco. Et pe' cotesto motivo, come si confà alli veri homini di politica, Feudalesimo e Libertà ha la solutio pe' cotesto problema: s'abbisogna de pro pugnar pello solo utilizzo della canapa, non pe' combustione, ma pe' intreccio delle sue foglie, giacché ella possa esser immantinente usata come cordone da patibolo. 

Un bel cappio di paglierino chroma, in futuro, addobberà et renderà più pulchro ogne albero delli nostri borghi, et lesti saran prontamente judicati dalla feudal justizia, ogn'homino et madonna che habet faciuto uso della luciferina spezia et defende con canna tratta lo diritto de potersi suicidar lipolmoni et lo cerebro co' cotesto sterco de lo Dimonio.

 

Basta con le capigliature diaboliche
14 Gen
Pubblicato in Costume e Società

Capigliature diaboliche o devote tonsure?

Nostri benamati villici, in codesta societade succede che lo degrado de li valori et de li costumi est talmente elevato che li giovini d'oggi pello sentirsi diversi et pello giovanile desio di ribellione la finiscano ad emulare lo Diavolo nelli modi di fare et di apparire.
Sine più valori in cui credere et sine habere modelli di riferimento, codesti giovini sunt como le pecorelle smarrite dallo gregge: rassegnate et impaurite. Codeste nove mode sunt lo fructo di una societade la quale vorrebbe porre sullo stesso piano l'homo cum Iddio, sed nos tutti gnosciamo che non est cosa cogitabile, poichè chi cerca di apparire più forte et intellighente de lo nostro Signore cum codesti vestimentari et acconciature, oltre allo mettersi in ridiculo, finisce a somigliare allo Diavolo. Ubi vi proponiamo uno breve sed esaustivo elenco diagnostico, pello riconoscere codesti fanciulli ribelli li quali soglion vagare pelli borghi come anime damnate. 

Tradupto pè voi dallo Malleus Maleficarum:
1) Essi tengono capigliature lunghe et ispide, incolte, cum liane et colla pello tenerli diritti, tipici de li barbari pagani ratziatori et stupratori. Spesso habent pidoculi. 
2) Le loro chiome sunt rosacee, rubiconde, virdi, turchine, o addirittura cum strisce et bande cum colori che differiscono [...] Ciò est chiaro sintomo di una nascente possessione demoniaca. 
3) Habent orecchini nelli posti più obsceni (lingula, genitalia, naso) et ferraglia et bulloni vari alla guisa de li pirati saracini. Ciò est sintomo di combutta cum li inimici mori et disertione verso lo Impero. 
4) Di solito appaiono cum pitture facciali, como lo pitturarsi le labbra, li oculi et le guance et ciò est tipica avversione pella pulitia et pell'ordine [...] Puzzo nauseabondico et animalesco. 
5) Lo loro habitat et nicchia eculogica sunt le piazze, le gradinate, et li lochi angusti de le cittadine: di solito ubi, abusando di vino scadente alli solfiti, et droghe allucinogeniche, como lo hashish saracino, cercano di habere cumtatti et mistiche visioni cum li demoni. Saepe la cosa si tramuta in un sabba (melior gnosciuto como ammucchiata) ove codesti individui fornicano in pubblica visione li uni cum li altri roteando lingue et mani alla guisa de le pale de lo innocente mulino.
6) Saepe ascultano musiche demoniache, simili allo percuotere di randelli sullo pentolame. Caotiche melodie accorpate et composte ad cazzum sub effecto di spetie diaboliche. Li loro musici tenent nomine che rimembra illi delli habitanti delli Inferi: "Immortale" "Obscuro Trono", "Cieca Sentinella", "Vergine Ferrea", "Prelato di Giuda", "Assassinatore" etc etc

Non ci rimane, nostri cari amati villici, nell'esortarvi a lo scacciar da li vostri borghi cum randellate et pedate nelle terga codesti satanisti et nello caso raro, vista la loro celerità supra humana nello darsela a gambe, ne acchiappaste uno non esitate a torturarlo et castigarlo como si deve! 

Lo Impero provvederà al più presto, nello sancire una Nova Campagna Tosatura pello debellar codesta piaga: un esercito di monaci-barbieri est già pronto cum ferri et rasoi pello porre finalmente fine a codesto scempio et pello portar ordine et austerità in codesto mondo: in isti casi, assai gravi, una devota tonsura est d'uopo.

Tanga e reggi-mammella pell'homo? La pur'essenza dell'antiuomo!
16 Lug
Pubblicato in Costume e Società

Tanga e reggi-mammella pell'homo? Giammai!

Secondo quanto riportato da alcuni diurnali c'han lo stesso valore dello PAPIRO IGIENICO, impazzano le vendite di particolari indumenti intimi maschili.

Et non stiam parlando delle classiche SOTTO-BRACHE in auge oggi tra li homini, come le SCIVOLANDA o le SCATOLANDA, ma di vere et proprie aberrazioni, come REGGI-MAMMELLE, PORTACALZINI et MUTANDE "FENDIPETO" per il loro esser costituite da fili 'sì sottili.

Del resto li homini moderni stan diventando sempre più simili a piagnucolose donzelle: rifiuto della peluria corporea, falsi sopraccigli, metà giornata passata dinanzi allo specchio.

Est evidente che le moderne mode non si posson combatter con la moderazione et l'educazione: la situatio ci sta sfuggendo di mano.

 

Lo Imperatore autorizza ordunque ogni suo sodale a considerar bersaglio qualunque "homo" venisse avvistato abbigliato a tal guisa.