info@feudalesimoeliberta.org
Usate il piccione viaggiatore
Feudalesimo e Libertà
 
 
×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 232

Un bel rogo per accelerare la giustizia
22 Gen
Pubblicato in Politica

Processo breve? Che bruci

Di lestofanti, assassini, ladri, corruttori et usurai traboccan le strade et li palazzi delle nostre antiche urbe. Impunemente essi vagano pelli viottoli incuranti delle loro culpe ponendo lo capo verso l'alto et calpestando sfrontatamente lo selciato cittadino senza lo minimo pentimento.

Codesti figuri possono liberamente circolar tra li pii homini continuando a commettere omnia nefandezza vogliano poichè lo moderno sistema giudiziario glielo pirmette. 

Una societas que lascia in libertate uno assassino sino allo ultimo grado di judicio est pestilente. Una societas que lascia in libertate uno corruttore perché lo suo crimine si prescrive prima dello pronunciamento della sententia est pestilente. Forse que lo trascorrer dello tempore possa cancellare li peccati? 

In codesta cumtempuranea gomorra lo homine di bassa statura, que si frigia impropriamente dello titolo di cavalier, habe pruposto uno prucesso magno celere et rapido. A noi però non sfugge lo vero intento della sua demoniaca opera. Egli mira, colla decadenza automatica delle accuse se lo judicio non interviene entro uno breve termine, at una impunità ancor maggiore. 

Feudalesimo e Libertà propone una solutionae vera alla piaga della impunità et della lenta justicia que attanaglia la nostra peninsula.

BASTA collo garantismo! 
Uno homine se accusato dalla inquisitione o dalli magistrati imperiali est culpevole!
BASTA colli lunghi tempi delli processi!
Non serbon ne accusa ne difesa e tantomeno III gradi di judicio per cundannare uno peccatore

SI allo vero processo breve!
Si alla cundanna celere!
SI alle pubbliche gogne et alli roghi di qui non rispetta li X comandamenti!

Il terribile Dalemone
21 Gen
Pubblicato in Politica

Il Baffometto Dalemone

La presentia obscura pè excellentia est illo: Maximo Dalemonae, melior gnosciuto como Baffometto. Da l'infinita politica carriera la sua historia cuminzia quando da pioniere de la iuventute comunista vince a risiko cum un solo carrarmatino in Oceania. 
Ma nelli anni che seguiron elli accrebbe lo suo infinito potere, divenendo conte et perfino Cavalier di "grande croce". Presidente de lo Consilio et Ministro de li Esteri. Li scripti narran che la sua infinita furbitzia derivi dall'aver desiniato oltre milia volpi et faine qui ogni settimana, tutt'hora, pretende di satziarsi pello soddisfar la sua famine di potere.

La sua costante presientia est volere demoniaco, non casualità. Cambiano li tempi ma illo c'est semper. A nihil servon li continui travestimenti dello suo partito (da comunista a demoplutocratico), et lo volgo lo pole ricognoscere dalli suoi ferrosi baffi, qui nihil hebent de humana natura. Si narra chi fuerunt forgiati cum acciaio rovente battuto da Stalin in personam et raffreddato cum lo sanguine di milia vergini democristiane!

Curioso est, qui sit illo a proferir anche simil apocrife nefandezze:
"La tentatzione dello potere est demoniaca et semper, nella historia della Chiesa, all'origine di misfatti fuit"
Da colui qui lo potere derivò dallo demonio, est inaccettabile simil bestemmia!

Non fatevi ingannar da lo suo apparente ritiro, perfino le vele delle sue navi rimangon gonfie contra lo volere di Dio.
Ello continua a tesser la tela de lo scorrere de lo tempo, a controllar lo fato, a stregar le genti et a contribuir pel render lo mondo uno demoniaco parcogiochi pelli diaboli dell'abisso.

Maximo Dalemonae smascherato fuit!


Porgiamo li nostri ringratiamenti a la dama Morena Kairòs Cetrullo pell'idea

meglio la maschera di ferro
19 Gen
Pubblicato in Politica

Maschera di ferro o maschera di plastica?

Lo villico perfetto cogita et favella cum saggio ribadire: "a la futilità de la plastica privileggio la durevoletza de lo faerro".
Lo insulso et finto nobile predilige allo contrario, lo utilitzo di isto materiale demoniaco lo quale non resiste a le intemperie et alle calamità, ne da protetione alcuna in battalia. Codesti utilitzatori di materie plastiche, spesso, si fan impiantare nello viso ista sostanza pè farselo modellare et scolpire como lo marmo a mò di statua, saepe ottenendo risultati obbrobriosi (como nell'exemplum de la nostra tela) pè lo solo fine di apparir più giovanili et sensuali. Sed theoria mai fuit più falsa et infondata, poichè non c'est cosa più monstruosa et diabolica de la cosa finta et innaturale!

Dame et messeri fate attentione quando comperate una coratza, poichè isti impiantatori di sustanza silicosa si spacciano per novi et moderni fabbri sed sunt solamente dei millantatori li quali volion transformarvi lo viso in cera lucido como lo grasso.

Perciò nos inbitamus lo volgo tutto a esprimere diniego verso ista sostanza alchemica creata da li più perversi et diabolici alchimisti moderni et di prediligere et optare SEMPER pe lo sacro faerro, frisco et cumfortebole, sicuro in domo come in battalia, duraturo et sensuale como lo più gratzioso de li monili!

Taglio delle mani per li evasori
15 Gen
Pubblicato in Politica

Evasione dei tributi

Solo Feudalesimo e Libertà ha l'ardire de' denuntiare lo cancro che, peggio della peste, pervade ogne borgo dello italico regno. 
Trattasi dei cosiddetti messeri et madame che evadono lo fisco e ne fan pure vanto dicendo "Cotesto fecal paese non riceverà da me manco uno soldo", nonostante li medesimi facciano ampio uso delli pubblici servigi che lo governo concede. 
Altri, ancor più subdoli, depositano le ingenti ricchezze presso elvetici usurai o presso li depositi dello borgo di Moncarolus, risultando dinanzi allo esattore poveri in canne.
E così li nostri occhi vedon ogne dì felloni "nulla-tenenti" a bordo di sfarzose carrozze nonché opulenti et agghindate baldracche percepir lo borsello degli studi destinato allo accademico jovine meno fortunato. 
Non appagati de' rubar li altrui denari et de gongolarsi pe' ciò, siffatti suini deridon inoltre chi con onestà et amor per lo Impero versa li justi tributi.
Li ridicoli provvedimenti finora adottati dalli politicanti (anco loro, saepe, evasori di imposte) han finora agevolato tale truffaldina prassi.
Noi, collo pragmatismo che ci distingue dalla marmaglia, proponiamo lo taglio delli arti et la pubblica gogna a cotesti parassiti et ladroni -perché ladroni essi sono, perdio!- affinché non possan più maneggiar denaro sine l'ausilio de' qualcun altro. 
Ma tal problema non sussiste, poiché quando jungerà lo tempo li unici beni delli evasori sine zampe sarà la veste in tela di sacco e lo cappello da somaro.